Uzeda

Giovanna Cacciola, vocals
Agostino Tilotta, chitarra
Raffaele Gulisano, bass
Davide Oliveri, drums
Touch and Go Records – USA

Il gruppo nasce nel 1987 a Catania dall’unione dei chitarristi Agostino Tilotta e Giovanni Nicosia,
dal bassista Raffaele Gulisano, dal batterista Davide Oliveri e dalla cantante Giovanna Cacciola e
prende il nome da quello di una delle porte della città d’origine. Dopo vari concerti in tutta Italia, il
complesso firma il primo contratto discografico con l’etichetta romana A.V. Arts; con questa
registrerà due album: Out of Colours del 1989 e Waters del 1993. Proprio in quest’ultimo lavoro, e
specialmente nell’ultimo brano Big Shades and Tides, si nota un mutamento del sound, adesso
indirizzato verso il noise rock. In questi anni, gli Uzeda incontrano il chitarrista degli Shellac, Steve
Albini, che registrerà tutti i loro dischi, a partire dal secondo, ad eccezione di The Peel Sessions;
inizia da qui un’amicizia che porterà i due gruppi a diverse tournée insieme nel corso degli anni.
Nell’autunno del 1994, la band riceve l’invito a suonare nello storico programma del disc jockey
John Peel, negli studi radiofonici di Londra della BBC; il gruppo è l’unica band italiana, insieme
alla Premiata Forneria Marconi, ad aver mai preso parte alla trasmissione e l’unica italiana in
assoluto a vedere pubblicate le proprie “Peel Sessions”. Il disco è edito dalla Strange Fruit Records,
Nel 1995, Giovanni Nicosia lascia il gruppo e gli Uzeda firmano un nuovo contratto discografico
per la casa americana Touch and Go Records. Viene pubblicato nello stesso anno 4, il cui titolo è
alquanto emblematico; il gruppo è composto adesso da quattro componenti, l’album è il quarto
lavoro e conta quattro tracce. Tre anni dopo, nel 1998, esce un nuovo lavoro intitolato Different
Section Wires, dalle sonorità più decise e scarne. Dopo il tour di Different Section Wires, il gruppo
prenderà una pausa di otto anni, senza comunque mai sciogliersi. Durante questo periodo Agostino
e Giovanna, insieme a Damon Che, continuano la loro attività musicale, formando i Bellini e
pubblicando due album, intitolati Snowing Sun del 2002 e Small Stones, del 2005. Davide Oliveri e
Raffaele Gulisano compongono insieme a Gianna Nannini l’album Aria e le musiche per il cartone
animato Momo alla conquista del tempo di Enzo D’Alò. Dopo la lunga pausa, gli Uzeda tornano
sulle scene pubblicando il 12 settembre 2006 il loro sesto lavoro, chiamato Stella, sempre su
etichetta Touch and Go Records. Nel 2007, Giovanna Cacciola partecipa all’EP The Phoenix Tree,
dei giapponesi Mono, come voce recitante nella traccia Black Rain.

Concerto KINOTHON

KINOTHON
[FRAMETEK+CANECAPOVOLTO]
visual+sound impro
Il progetto video/sonoro Kinothon nasce dalla compassione per il disagio storico della musica live
concepita come colonna sonora per immagini in movimento.
Il Cinema, per quanto sublime, è pur sempre lo spettacolo di immagini ormai fissate e quindi ogni
volta uguali a se stesse.
Con il progetto K. incrociamo le improvvisazioni: il suono bizzarro di vecchie tastiere Casio
modificate e delle drum-machines condiziona in tempo reale la struttura delle immagini ma anche
viceversa, attraverso l’uso di un software che rimonta e trasforma immagini di
Cinema/Fotografia/Televisione/Internet in un flusso continuo.
Assonanza, dissonanza. Nulla è Vero. Tutto è Permesso!

Dj TY1

Dj Ty1, sicuramente uno dei più talentuosi Dj Italiani da sempre alla ricerca di codici espressivi originali e contemporanei.

Inizia la sua carriera negli anni 90, scratch e hip hop sono state le sue prime attrazioni. Primo all’ITF nel 97 si affilia ad Alien Army pionieri di Turntablism in Italia.

Nel 2007 esce il suo primo album Photographie, nel 2010 vince il premio Insound come miglior diskjockey.

Nel 2011 partecipa al progetto Gli Originali, un riuscitissimo esperimento tra Franco Micalizzi e la sua band da un altro ed Mc Italiani e Dj dall’altra.

Ad oggi dj di due massimi esponenti della scena musicale Italiana, i due rapper Marrakesh e Clementino.

“Hardship”è il suo ultimo lavoro uscito nel 2016

 

TY1 aka Tayone, born Gianluca Cranco – class 1979 – is the most famous and talented DJ in the Italian Hip-Hop scene. He started his career in 1992 approaching dance and hip hop music, with a special focus on the scratch art.

In 1997 TY1 became Italian ITF champion and joined the historical Italian turntablist crew Alien Army. Since 1998 TY1 attended several contests and tours and worked together with many great musicians.
In 2010 TY1 won the Insound Best DJ award.
Right after he became tutor for Rane America and endorser for Serato Scratch Live, thanks to his unique way in mixing and scratching.
On 31st of October 2013 TY1 released his new hit single “Gunboy (Trinity Remix)” feat. Pat Cosmo out on Digital Bros Music.
DJ and producer behind the main Italian Hip Hop artists, TY1 has now kicked off a new artistic cycle moving towards electronic and pop sonority: his last productions sound incredibly engaging and mature – an eclectic pop with an electronic streak.
On June 2015 TY1 released in free download “What is a DJ” anticipating the upcoming “Hardship” album, to be released on January 2016. The album will mark the evolution of TY1 from the stereotyped DJ/Producer role to a new artistic phase as a whole-grown artist.
Hardship is a hard-sounding electro-pop body of work that boasts the collaboration of various famous international guest-artists.

 

Gadi Sassoon Memory 9

Gadi Sassoon è uno di quei ‘segreti’ italiani ben custoditi e assai più noti fuori che dentro lo stivale. Ha prodotto musica sotto una pletora di nomi e alias, per molti ambiti differenti, ma il suo progetto più noto continua ad essere quello sotto il moniker Memory9, con il quale è stato più volte ospite della mitica trasmissione Solid Steel della Ninja Tune, resident di prestigiosi club come il Koko e il Cargo di Londra, ospite in serate e festival di culto da Los Angeles a Hong Kong (passando per Berlino e Istanbul), oltre che fondatore e direttore artistico dell’etichetta Mnemonic Dojo, sulla quale ha pubblicato tre acclamati EP. Compositore di base tra Milano e Londra, specializzato in colonne sonore, Gadi combina lavori orchestrali, musica elettronica e sound design, muovendosi, con agilità, tra composizioni orchestrali epiche e produzioni fantascientifiche, brani acustici e industrial rock, beat di matrice hip hop e musica da camera, sonate per pianoforte e drum and bass, colonne sonore horror e ambient, e molto altro ancora. Le sue produzioni finiscono regolarmente in pubblicità, trailer, campagne virali, documentari, programmi televisivi e videogame in tutto il mondo. Ed è stato un piacere averlo qui a CODEX nell’edizione 2015. Uno spettacolo live originale dove i codici che Gadi metteva su sembravano non avere limiti.